29 novembre 2014

Sabato 29 novembre 2014 - ore 15.00 - Sala San Giovanni (Cuneo)

Dai testi di Nuto Revelli, dai documenti e dai materiali fono-antropologici del partigiano scrittore, prende forma una giornata di concerti per ricordare la grande figura dello studioso, ricercatore e custode di un patrimonio in via di estinzione.

Nel decennale della scomparsa di Nuto Revelli, tre rassegne di musica contemporanea – In Scena!, Musiche in Mostra, EstOvest Festival – tra le più innovative nell’esplorazione del nuovo, unite nel cartellone “Nuovissima”, hanno sviluppato in tre eventi raccolti in un unico pomeriggio uno specifico aspetto del rapporto tra tradizioni popolari ed espressioni artistiche contemporanee.

Per approfondire i rapporti impliciti tra musica popolare e musica colta, Il Duo Alterno ha scelto di eseguire uno dei lavori più rappresentativi degli anni ’60, raramente presente nelle programmazioni concertistiche e pietra miliare della vocalità nel Novecento: “La fabbrica illuminata” di Luigi Nono, nata nel ’64 per denunciare la situazione di sfruttamento dei lavoratori della Italsider, accanto a “Il mondo dei vinti”, foto-suoni della borgata partigiana di Paraloup, su materiali audio raccolti in quota (nella borgata partigiana di Paraloup) da Piacentini, contrappuntati con i materiali fono-antropologici raccolti da Nuto Revelli.

Affronta il complesso concetto di identità culturale europea lo Xenia Ensemble con la nuova opera per quartetto d’archi ed elettronica, realizzata da Stefano Pierini per lo Xenia Ensemble, basata su documenti sonori della tradizione piemontese conservati presso la Fondazione Revelli.

I brani scelti, infine, dal Fiarì Ensemble, si collocano in modi e stili diversi nell’ambito del rapporto popolare-colto ispirandosi a uno dei temi a cui Revelli si dedicò nella sua attività di studioso e scrittore: lo studio delle tradizioni contadine, che lo portò a catalogare decine di canti popolari nella convinzione del fondamentale valore storico e civile della trasmissione orale del sapere. 

 

PROGRAMMA

 

Ore 15 - Il Mondo dei Vinti: foto-suoni per Paraloup

Duo Alterno: Tiziana Scandaletti, soprano - Riccardo Piacentini, pianoforte e foto-suoni

Musiche di Luigi Nono, Antonello Lerda, Riccardo Piacentini

Ore 16.30 - Il Mondo dei Vinti: canti sulla (nostra) pelle

Xenia Ensemble: Adrian Pinzaru, violino - Eilis Cranitch, violino - Daniel Palmizio, viola - Claudio Pasceri, violoncello

Musiche di Pavle Merkù, Henri Pousseur, Gyorgy Ligeti, John Zorn, Witold Lutoslawski, Stefano Pierini

Ore 18 - Il Mondo dei Vinti: folk songs

Margherita Settimo, mezzosoprano

Fiarì Ensemble: Alessandra Masoero, flauto - Gianluca Calonghi, clarinetto - Paolo Volta, violino - Maria Ronchini, viola - Massimo Barrera, violoncello - Anna Barbero, pianoforte - Riccardo Balbinutti, percussioni - Marilena Solavagione, direttore

Musiche di Franco Cavallone, Luciano Berio, Manuele De Falla

 

 

“Il Mondo dei Vinti: omaggio a Nuto Revelli” è un progetto di Nuovissima, in collaborazione con la Fondazione Nuto Revelli Onlus, con il patrocinio del Comune di Cuneo.

Nuovissima è organizzata dalle Associazioni Antidogma, Fiarì Ensemble, Rive-Gauche e Xenia Ensemble, con il sostegno della Compagnia di San Paolo, nell’ambito del bando Arti Sceniche 2014, e della Regione Piemonte. 

  • Progetti
    Il popolo che manca
    A partire dal 2006 la Fondazione Nuto Revelli onlus ha sostenuto ill progetto “Aristeo” ideato dai giovani registi Andrea Fenoglio e Diego Mometti. continua»
    Paraloup
    Grazie al sostegno di Regione Piemonte, Compagnia di Sanpaolo, Fondazione CRC e Fondazione CRT, la Fondazione Nuto Revelli onlus ha recuperato la Borgata Paralup, sita a 1360 m in Valle Stura, nel comune di Rittana (CN) e ha concluso i lavori nella primavera 2013. continua»
    Paraoul sito dedicato Paraoul Facebook Community
    Laboratorio didattico
    Grazie al contributo della Fondazione CRC, la Fondazione Nuto Revelli onlus ha messo a punto un progetto triennale di start-up per un laboratorio didattico in collaborazione con le scuole del territorio cuneese. continua»
  • News e Appuntamenti
    29 novembre 2014

    Sabato 29 novembre 2014 - ore 15.00 - Sala San Giovanni (Cuneo)

    Dai testi di Nuto Revelli, dai documenti e dai materiali fono-antropologici del partigiano scrittore, prende forma una giornata di concerti per ricordare la grande figura dello studioso, ricercatore e custode di un patrimonio in via di estinzione.

    Nel decennale della scomparsa di Nuto Revelli, tre rassegne di musica contemporanea – In Scena!, Musiche in Mostra, EstOvest Festival – tra le più innovative nell’esplorazione del nuovo, unite nel cartellone “Nuovissima”, hanno sviluppato in tre eventi raccolti in un unico pomeriggio uno specifico aspetto del rapporto tra tradizioni popolari ed espressioni artistiche contemporanee.

    Per approfondire i rapporti impliciti tra musica popolare e musica colta, Il Duo Alterno ha scelto di eseguire uno dei lavori più rappresentativi degli anni ’60, raramente presente nelle programmazioni concertistiche e pietra miliare della vocalità nel Novecento: “La fabbrica illuminata” di Luigi Nono, nata nel ’64 per denunciare la situazione di sfruttamento dei lavoratori della Italsider, accanto a “Il mondo dei vinti”, foto-suoni della borgata partigiana di Paraloup, su materiali audio raccolti in quota (nella borgata partigiana di Paraloup) da Piacentini, contrappuntati con i materiali fono-antropologici raccolti da Nuto Revelli.

    Affronta il complesso concetto di identità culturale europea lo Xenia Ensemble con la nuova opera per quartetto d’archi ed elettronica, realizzata da Stefano Pierini per lo Xenia Ensemble, basata su documenti sonori della tradizione piemontese conservati presso la Fondazione Revelli.

    I brani scelti, infine, dal Fiarì Ensemble, si collocano in modi e stili diversi nell’ambito del rapporto popolare-colto ispirandosi a uno dei temi a cui Revelli si dedicò nella sua attività di studioso e scrittore: lo studio delle tradizioni contadine, che lo portò a catalogare decine di canti popolari nella convinzione del fondamentale valore storico e civile della trasmissione orale del sapere. 

     

    PROGRAMMA

     

    Ore 15 - Il Mondo dei Vinti: foto-suoni per Paraloup

    Duo Alterno: Tiziana Scandaletti, soprano - Riccardo Piacentini, pianoforte e foto-suoni

    Musiche di Luigi Nono, Antonello Lerda, Riccardo Piacentini

    Ore 16.30 - Il Mondo dei Vinti: canti sulla (nostra) pelle

    Xenia Ensemble: Adrian Pinzaru, violino - Eilis Cranitch, violino - Daniel Palmizio, viola - Claudio Pasceri, violoncello

    Musiche di Pavle Merkù, Henri Pousseur, Gyorgy Ligeti, John Zorn, Witold Lutoslawski, Stefano Pierini

    Ore 18 - Il Mondo dei Vinti: folk songs

    Margherita Settimo, mezzosoprano

    Fiarì Ensemble: Alessandra Masoero, flauto - Gianluca Calonghi, clarinetto - Paolo Volta, violino - Maria Ronchini, viola - Massimo Barrera, violoncello - Anna Barbero, pianoforte - Riccardo Balbinutti, percussioni - Marilena Solavagione, direttore

    Musiche di Franco Cavallone, Luciano Berio, Manuele De Falla

     

     

    “Il Mondo dei Vinti: omaggio a Nuto Revelli” è un progetto di Nuovissima, in collaborazione con la Fondazione Nuto Revelli Onlus, con il patrocinio del Comune di Cuneo.

    Nuovissima è organizzata dalle Associazioni Antidogma, Fiarì Ensemble, Rive-Gauche e Xenia Ensemble, con il sostegno della Compagnia di San Paolo, nell’ambito del bando Arti Sceniche 2014, e della Regione Piemonte. 

    16 novembre 2014

    Leggi l'articolo sul nuovo libro di ricerca su materiali conservati nell'Archivio della Fondazione dNuto Revelli: "Il testimone", a cura di Mario Cordero, Einaudi 2014.

    28 ottobre 2014

    PARLAPA' PARALOUP

    La montagna che rinasce

     

    Paraloup, una borgata sospesa tra i monti del cuneese, 

    ha vissuto sulla sua pelle prima la Resistenza, poi l'abbandono di queste terre di confine.
    Oggi però può tornare protagonista del nostro tempo, grazie a un rifugio e al suo programma di spettacoli in quota ed escursioni letterarie tra montagne dal valore storico e naturale senza pari. Parlapà Paraloup.

     

    Per far davvero rinascere Paraloup e le sue montagne, nell'estate del 2014 vorremmo inaugurare un programma di iniziative culturali all'aria aperta diurne (come passeggiate naturalistico-letterarie con guide e accompagnatori certificati) e serali (tra cui concerti, proiezioni cinematografiche e spettacoli teatrali). 

    Paraloup potrebbe diventare un punto di riferimento per il presente e un ponte sul futuro. 

    Qui si potrebbero, infatti, sperimentare nuove forme di turismo responsabile e modi di produzione alternativi, capaci di riattivare le economie locali nel rispetto dell'ambiente e della comunità.

     

    Per innescare tutto questo ti chiediamo l'aiuto e la partecipazione a "Parlapà Paraloup" 

    un luogo dove riannodare i fili tra passato e presente mediante una donazione al seguente link: 

    https://www.produzionidalbasso.com/pdb_3693.html?after_update=True

     

    Clicca il tasto SOSTIENI e aiutaci a fare rinascere PARALOUP!

     

    7 ottobre 2014

    Il concorso propone di affrontare il tema delle migrazioni, partendo dalla lettura del libro di Rigoni Stern “ Storia di Tönle ” e delle pagine relative all’immigrazione che si trovano nei libri di Revelli “Il mondo dei vinti” e “ L’anello forte” ( Introduzione e testimonianze).

     Gli elaborati potranno essere frutto di :

    1. riflessioni e confronti sui testi proposti
    2. raccolta di testimonianze e interviste originali, famigliari e non, riguardanti le nostre passate emigrazioni, le attuali immigrazioni e le loro conseguenze sul nostro territorio.

     ( Un utile strumento di lavoro può essere il recente libro a cura di Antonella Tarpino Nuto Revelli. Il popolo che manca, Einaudi 2013 che riunisce, riordinandoli per temi, brani editi e inediti di testimonianze tratti dagli appena citati libri di Revelli)

     

    REQUISITI E MODALITA’ DI  PARTECIPAZIONE

    Il concorso, che si propone di promuovere la partecipazione di ogni indirizzo di scuola ( Ist. Professionali, Tecnici e Licei) è rivolto agli studenti delle scuole primarie, delle scuole secondarie di 1° e di 2° grado e a tutti i giovani dai 18 ai 25 anni.

    - Per quanto riguarda le primarie e le secondarie di 1° grado la partecipazione si intende per classe.

    Ogni classe potrà presentare un “prodotto” che raccoglierà i lavori svolti, singolarmente o a gruppi, dagli alunni oppure l’attività affrontata collettivamente, anche a livello interdisciplinare, dall’intera classe.

    Le classi sono libere di presentare la propria produzione nella forma che ritengono più opportuna all’illustrazione del lavoro svolto.

    - Per quanto riguarda le superiori, il concorso è organizzato su due sezioni:

    1. Opere scritte
    2. Opere grafiche, scultoree, pittoriche, fotografiche, video, fumetto, musica etc…

    La partecipazione al concorso si intende singola o per piccoli gruppi ( max 5 componenti)

    MODALITA’ DI CONSEGNA

    I lavori appartenenti alla sezione “Opere scritte” devono essere spediti per posta elettronica, possibilmente in formato PDF, tutti gli altri possono essere spediti per posta sia ordinaria che elettronica o consegnati a mano a:

    Fondazione "Nuto Revelli" onlus - Concorso "Ricordando Nuto"

    corso Brunet,1

    12100  -  CUNEO

    email: laboratorio.fondazionerevelli@gmail.com

     

    TERMINE DI PRESENTAZIONE ED ESAME DEI LAVORI

    I lavori dovranno pervenire improrogabilmente ( pena l’esclusione) entro il 28 febbraio 2015  e saranno esaminati da una giuria di esperti, individuati dalla Fondazione, che decreterà i vincitori.

    PREMI

    Scuole elementari e medie:

    Le classi vincitrici, una per ogni ordine di scuola, verranno premiate con una escursione premio (comprendente il viaggio, il pranzo presso il Rifugio, la visita della borgata e l’incontro con esperti) a Paraloup, una delle prime sedi partigiane in cui operò Nuto Revelli e, oggi, oggetto di un importante progetto di recupero architettonico, con finalità educative, turistiche ed economiche da parte della Fondazione.                                                                                                                                                                                                                       Scuole superiori

    I tre lavori ritenuti migliori, per ognuna delle due sezioni, verranno premiati nel seguente modo:

    1° premio – Tablet

    2° Premio – Smartphone

    3° Premio – Lettore di eBook

     

     Nel caso in cui la partecipazione sia di gruppo il premio sarà collettivo e in denaro (di valore equivalente al rispettivo premio)

    L’entità e la quantità dei premi potranno subire variazioni in base alla disponibilità finanziarie e al numero delle opere pervenute.

    Il materiale inviato resta di proprietà della Fondazione che si riserva il diritto del suo utilizzo a titolo gratuito e senza scopo di lucro.

    La Fondazione si riserva altresì il diritto di comunicare ai mezzi di informazione il nome della scuola e delle classi vincitrici.

    La premiazione si terrà entro il mese di maggio 2015.  Il luogo e la data verranno comunicate tempestivamente e con anticipo alle scuole e ai singoli partecipanti.

    Le scuole  e i singoli che partecipano al Concorso sono tenuti a fornirsi di Liberatoria per l’eventuale pubblicazione delle fotografie dei minori da parte della Fondazione  a mezzo stampa o su Web.

    In allegato il bando scaricabile dal sito

    Per ulteriori informazioni, richiesta di materiali e supporto didattico rivolgersi a:

    Segreteria della Fondazione 

    Corso Carlo Brunet, 1 - 12100 Cuneo

    telefono 0171 692789

    email: laboratorio.fondazionerevelli@gmail.com

    orari:

    Lunedì, Mercoledì, Venerdì: 14,30 – 18,30

    Martedì, Giovedì: 8,30 – 12,30

    oppure

    Nino Costantino  tel. 0172 693460  - 3388219367

    Email :  costantinonino@gmail.com

    19 settembre 2014

    Concorso letterario nazionale per opere di prosa e di poesia promosso da Mai tardi – Associazione amici di Nuto e dalla Fondazione Nuto Revelli Onlus con il sostegno della Fondazione CRT e con il patrocinio del Comune di Cuneo. ( In allegato il bando e il modulo d'iscrizione).

    E’ diviso in due categorie: 

    1) Nuova cittadinanza, destinata a tutti i nuovi cittadini immigrati o figli di immigrati senza limiti di età né di provenienza geografica, con tema libero. 

    2) Libertà di parole, riservata agli immigrati detenuti, con tema libero. 

    L’iscrizione è gratuita per tutti.
    Ogni autore potrà partecipare con una sola opera inedita in lingua italiana in prosa (max 10.000 battute) e/o in poesia (max 3 componimenti).
    I concorrenti già premiati in precedenti edizioni potranno essere oggetto disegnalazioni di merito ma non saranno inclusi nelle rose dei finalisti.

    Che cosa si propone?

    Le ragioni del concorso discendono dall’urgente necessità di offrire ai cittadini immigrati, che sempre più svolgono un ruolo importante sia dal punto di vista economico che socio-culturale, una occasione per esprimersi e interagire con la nostra società.
    Il linguaggio è il primo ponte che si stabilisce tra gli individui e le tradizioni di cui sono portatori: proprio per questa ragione il percorso verso la convivenza tra gruppi che hanno origini e storie diverse passa necessariamente attraverso lo scambio culturale. Del resto la capacità di esprimere la propria appartenenza e identità è parte sostanziale di ogni progetto di “cittadinanza”: essere con e tra gli altri nello spazio pubblico e a questo titolo “prendere la parola”.
    Da queste considerazioni nasce l’urgenza di offrire ai “nuovi cittadini” un riconoscimento che premi anzitutto la parola. Tanto più declinata nelle diverse forme che strutturano l’interculturalità: il racconto/reportage/ la composizione poetica.

    Come si svolge?

    Le opere saranno esaminate da un apposita giuria che selezionerà una “rosa” di 12 finalisti per ogni sezione tra cui verranno scelti successivamente i vincitori, ai quali verranno assegnati i seguenti premi: 

    Nuova cittadinanza

    ProsaPoesia

    1° Premio (1.000 euro)1° Premio (1.000 euro)

    2° Premio (750 euro)2° Premio (750 euro)

    3° Premio (500 euro)3° Premio (500 euro)

    4° Premio (250 euro)4° Premio (250 euro)



    Libertà di parole

    ProsaPoesia

    1° Premio (750 euro)1° Premio (750 euro)

    2° Premio (500 euro)2° Premio (500 euro)

    3° Premio (400 euro)3° Premio (400 euro)

    4° Premio (300 euro)4° Premio (300 euro)

    5° Premio (250 euro)5° Premio (250 euro)

    6° Premio (200 euro)6° Premio (200 euro)

    7° Premio (100 euro)7° Premio (100 euro)



    Gli enti promotori si riservano di assegnare, come nelle precedenti edizioni, un premio studio destinato ad un nuovo cittadino particolarmente meritevole per l’impegno nello studio e nel lavoro ed eventuali altri Premi Speciali. 

    La proclamazione dei finalisti e la premiazione dei vincitori si terranno nel corso di una iniziativa culturale in programma nell’inverno 2014. In quest’occasione verrà anche consegnato, compatibilmente con le risorse disponibili il Premio Paralup – Banca Alpi Marittime (2.500 euro) destinato ad una Persona, Associazione o Istituzione che si è distinta per il particolare impegno nel campo dell’immigrazione. 

    Scadenza

    I testi dovranno pervenire all’organizzazione del concorso entro il 30 novembre 2014, spediti obbligatoriamente per via elettronica (e-mail) in formato pdf aassmaitardi@gmail.com, insieme al modulo di iscrizione (scaricabile cliccando qui), correttamente e completamente compilato, pena l’esclusione. 

    Solo per la sezione “Libertà di parole” i concorrenti possono inviare le opere in modalità cartacea per posta ordinaria all’indirizzo: 
    Mai tardi- Associazione amici di Nuto corso C. Brunet 1, 12100 Cuneo. Il verdetto insindacabile della giuria verrà comunicato esclusivamente ai finalisti di ogni sezione e sarà pubblicato sul sito www.nutorevelli.org e trasmesso agli organi di stampa. 

    Gli Enti promotori si riservano di apportare al presente bando ogni variazione che ritengano necessaria in particolare riguardo alle risorse finanziarie.

    Per ulteriori informazioni:

    Fondazione Nuto Revelli onlus
    Corso Brunet 1, 12100 Cuneo
    Tel: 0171/692789
    Email: assmaitardi@gmail.com

    17 settembre 2014

    Ecco in allegato l'articolo di Mauro Ravarino apparso su Il manifesto che racconta la storia di Paraloup. Oggi la Borgata Paraloup non è più un fantasma, aiutaci a mantenerla viva donando anche soltanto 10 euro al seguente link https://www.produzionidalbasso.com/pdb_3693.html e votando Borgata Paraloup come Luogo del Cuore FAI 2014 http://iluoghidelcuore.it/luoghi/cuneo/rittana/borgata-paraloup-/80336

    14 settembre 2014

    Domenica 14 settembre - ore 10-16.30 

    PROGRAMMA

    - Ore 10 - Presentazione del volume di PIER GIORGIO ARDENI, Cento ragazzi e un capitano. La brigata Giustizia e Libertà “Montagna” e la Resistenza sui monti dell’alto Reno tra storia e memoria.  Relatori: Pier Giorgio Ardeni e Michele Calandri

    Paraloup, “distretto delle Formazioni Giustizia e Libertà” del Cuneese diventa la sede in cui discutere di un’altra Resistenza G.L., quella dell’Appennino Bolognese e Modenese. Analizzando il minuzioso lavoro di ricostruzione storica svolto da Pier Giorgio Ardeni su quel territorio, si metteranno in luce le affinità, ma soprattutto le differenze con quanto avvenuto durante i “venti mesi” di guerra partigiana in Piemonte e in provincia di Cuneo. 

    - Ore 12.30 PRANZO A BUFFET offerto dalla Fondazione Nuto Revelli Onlus in collaborazione con il Rifugio Paraloup

    - Ore 14.30 - “Le pietre sono stanche, la memoria è forte…” Relatori: Flavio Menardi Noguera (direttore della Biblioteca Mediateca di Finale Ligure) e Angelo Artuffo (segretario del Centro “Detto Dalmastro” e redattore de “La Vous de Chastelmanh”) 

    Narbona di Castelmagno, la frazione forse più ardita delle nostre montagne, spopolata dal 1960, va in rovina ma, dal 2010, alcuni “sognatori concreti” lavorano senza sosta per salvarne la memoria. Quattro anni fa qualcosa è cambiato: appassionati e studiosi, amanti e abitanti della montagna, uniti dalla percezione della bellezza e dell’unicità della frazione, hanno dato vita a un gruppo di ricerca e di lavoro. E’ nato così il progetto “Una casa per Narbona” di Campomolino, in sinergia con l’Ecomuseo Terra del Castelmagno: non si tratta però dell’ennesima esposizione “statica”, ma di una casa “viva”. Flavio Menardi Noguera e Angelo Artuffo parleranno della caratteristiche uniche di Narbona e della sua storia e illustreranno il progetto con l’aiuto di slides e video. Saranno ricostruiti alcuni episodi (attraverso testimonianze inedite) della Resistenza che, nell’aprile del 1944, coinvolsero la piccola, stupenda borgata.

    (Maggiori notizie su  http://unacasapernarbona.tumblr.com/)

     

    Vi aspettiamo!

    Cogliamo l'occasione per segnalarvi la raccolta fondi che si concluderà il 25 novembre p.v. per il progetto Parlapà Paraloup al seguente link https://www.produzionidalbasso.com/pdb_3693.html dove è possibile prenotare una quota anche soltanto di 10 euro.

    Da non dimenticare, inoltre la campagna di raccolta firme per candidare la Borgata Paraloup a Luogo del Cuore FAi (bastano pochi minuti e non costa nulla!) al seguente link http://iluoghidelcuore.it/luoghi/cuneo/rittana/borgata-paraloup-/80336

     

     

    22 agosto 2014

    VENERDI 22 AGOSTO
    SABATO 6 SETTEMBRE
    SABATO 13 SETTEMBRE

    Descrizione del percorso:
    Sentiero Valloriate-Paraloup (CN)
    Partenza Valloriate 796 mt
    Arrivo Paraloup 1360 mt
    Dislivello mt 564
    Durata: circa 3 ore
    Guida escursionistica: Sara Gorgerino
    Reading letterario
    Ad aprire e chiudere la camminata, lo scrittore
    Marco Magnone presenterà alcune letture tratte
    da "Il popolo che manca", di Nuto Revelli (Einaudi
    2013). 
    Visite guidate
    La passeggiata si conclude al Rifugio Paraloup di
    Rittana, che offrirà ai partecipanti il pranzo al
    sacco e la visita alle mostre fotografiche La spoon
    river contadina di Nuto Revelli (di Paola Agosti) e
    Dalla Montagna ai lager nazisti (di Renzo
    Carboni).
    Modalità di prenotazione
    Il costo dell’intera giornata (partenza ore 9.30 da
    Valloriate, arrivo 12.30 in rifugio, reading, pranzo,
    mostre, ripartenza per Valloriate ore 15.30) è di
    50 €. La prenotazione è obbligatoria per un
    massimo di 20 persone ai seguenti recapiti:
    333-7225764 o rifugio@paraloup.it

    16 agosto 2014

    "Era un vero e proprio terremoto [...] 
    Un patrimonio di forze, esperienze, mestieri, destinato a disperdersi.
    Altro che "difesa dell'ambiente" e "governo del territorio".
    Con l'esodo indiscriminato, caotico, in non poche aree della nostra collina e della montagna si sfilacciava il tessuto sociale,
    si estendeva il deserto"
    Nuto Revelli



    Sabato 16 agosto 2014 alle ore 16,30 
    siete invitati a partecipare al dialogo tra 
    Luca Mercalli e Marco Revelli
    sul futuro del mondo partendo da uno sguardo dalle terre alte

    Vi aspettiamo numerosi!

    Per chi desiderasse fermarsi a pranzo o a cena preghiamo di prenotarsi
    all'indirizzo mail rifugio@paraloup.it o di chiamare il numero 3337225764



  • Come sostenere la Fondazione Nuto Revelli
    E' possibile sostenere la Fondazione tramite donazioni dirette interamente deducibili o devolvendo il 5 per mille.
    Scopri come»
    Iscriviti alla Newsletter della Fondazione
    Iscrivendoti alla newsletter verrai informato di tutte le iniziative e degli appuntamenti della Fondazione.
    Scopri come»
    Seguici su Twitter
    twitter
    Segnalazioni