2-4 ottobre:
Festival Frontière
2° edizione

Si terrà dal 2 al 4 ottobre 2020 a Caraglio, Paraloup, con incursioni a Vinadio e Barcelonnette, la 2° edizione di Frontière, il festival biennale di montagna che mette al centro una parola, dalla doppia lettura italiana e francese, che indica un confine: una meta da superare per raggiungere nuove aspirazioni e ideali tra due terre continue.
Frontière è un festival di teatro, cinema, narrazione e incontri per raccontare il naturale migrare delle genti attraverso le nostre montagne.
Le Alpi che vogliamo sono uno spazio aperto, libero e accogliente.

Il festival è organizzata nell’ambito del Programma di cooperazione transfrontaliera Interreg V-A Italia-Francia ALCOTRA 2014-2020 – Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) con capofila il Comune di Vinadio ed il partenariato della Fondazione Filatoio Rosso, Fondazione Revelli, ACTI Teatri Indipendenti e la Ville de Barcelonnette.

Novità di questa seconda edizione sono le partnership con il Festival delle Migrazioni Acquaformosa (CS) e il Festival delle Migrazioni di Torino, importanti manifestazioni che da anni affrontano queste tematiche a livello nazionale e internazionale.

Sono numerosi gli appuntamenti che si susseguono per tutto il primo weekend di ottobre: convegni, spettacoli, cammini sui sentieri dei migranti (e molto altro ancora).

Il Festival si apre al Filatoio Rosso di Caraglio venerdì 2 ottobre
alle ore 16:00 con la tavola rotonda tra coordinatori di alcuni dei Festival sulle Migrazioni italiani e europei per mettere in rete professionalità ed esperienze di chi da anni lavora con i migranti in ambito artistico e culturale.
Sempre al Filatoio Rosso alle ore 18:00 Alberto Gedda, direttore de Corriere di Saluzzo, modera un incontro dedicato al tema del lavoro dei migranti in agricoltura e alle ore 21:30 il Teatro Civico ospita una produzione teatrale del SUQ Genova “Da madre a madre”, ispirata al libro di Nuto Revelli L’anello forte.

Nella seconda giornata del festival, sabato 3 ottobre, al Filatoio Rosso di Caraglio, alle ore 16:30, il primo degli appuntamenti è dedicato ai più piccoli con lo spettacolo “E venne la Notte. Storie di masche, di folletti e creature del mistero” della Compagnia Il Melarancio.
Alle ore 21:30 al Cinema Contardo Ferrini sarà proiettato il docufilm “The Milky way. Nessuno si salva da solo” di Luigi d’Alife con la partecipazione del regista.

Domenica 4 ottobre il Festival si sposta in Valle Stura, alla Borgata Paraloup dove alle ore 10:30 si terrà il workshop Oltre le Frontiere: il futuro della montagna nel laboratorio Paraloup (l’incontro sarà trasmesso anche in streaming nella Resistanza, al link https://meet.google.com/phs-xdpf-gjb).
Alle ore 15:00 dedicato ai bambini dai 6 anni in su “Sotto la tenda. Vi racconto il mio Marocco” prodotto da Cicogne teatro arte musica.
A conclusione del Festival alle ore 16:00 lo spettacolo teatrale “Radio International”, azione conclusiva di ACTI Teatri indipendenti.

A Paraloup è aperto il bar ristorante, per il pranzo in baita o i lunch box da mangiare nei prati è obbligatoria la prenotazione.

Per chi non vuole stare fermo segnaliamo la visita guidata che in pullman, da Caraglio a Barcelonnette, ripercorre antiche vie della migrazione (sabato 3 ottobre, ritrovo alle 9:30 al Filatoio Rosso).
È invece dedicata agli sportivi la prima tappa del MigraTour Trekking in programma domenica 4 ottobre, ritrovo alle 8:30 davanti al Filatoio Rosso, muniti di acqua e scarponcini!

Tutte le attività sono a ingresso libero.
I posti sono limitati.
È obbligatoria la prenotazione: tel. 3519553840 – mail festivalfrontiere@gmail.com

Si ricorda a tutti i partecipanti l’obbligo di avere la mascherina e indossarla sempre nei luoghi chiusi.
Lo staff garantisce l’osservanza delle norme di distanziamento.

Programma completo del Festival sul sito www.festivalfrontiere.it e scaricabile qui.
Il programma potrebbe subire variazioni.

Pagina Facebook: MigrAction – Generazioni in movimento

Iscriviti alla newsletter

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.