Cliccare sulle copertine per visualizzare il dettaglio.
  • I libri di Nuto Revelli
    Mai tardi - Diario di un alpino in Russia
    Questo diario racconta giorno per giorno l'odissea degli alpini della «Tridentina» in Russia, sino alla tragica conclusione della ritirata. Molte pagine da allora sono state scritte su quell'evento, ma le annotazioni scarne che Nuto Revelli ha affidato al suo taccuino continuano a costituire una testimonianza viva e indimenticabile. Cronaca autentica di una delle pagine piú terribili della guerra fascista, il libro traccia anche la storia di una esperienza individuale che riflette una svolta decisiva nella storia di tutti gli italiani.

    «Per la verità, la mia intenzione non era di tenere un diario vero e proprio. Mi dicevo: "Sono un ufficiale effettivo, e finalmente passerò dalla teoria alla pratica". Avrei visto all'opera i tedeschi, gli ungheresi, i rumeni, i russi. Avrei potuto tentare un confronto tra le loro macchine da guerra e la nostra. Ma questa mia intenzione svaní non appena salii sulla tradotta. Già la notte del 21 luglio riversai nella prima pagina i miei stati d'animo».

    «Non è solo e non è tanto uno spietato e rovente atto di accusa contro le cricche degli alti papaveri politici e militari, la criminale imprevidenza e impreparazione, le vergogne dei profittatori nelle retrovie, la prepotenza disumana e sprezzante dell'alleato tedesco. È prima di tutto la tragedia dei "poveri cristi" gettati allo sbaraglio, beffati, traditi, e che pure, nello sfacelo immane di un esercito e poi di uno Stato, riscoprono in se le ragioni profonde della dignità del vivere».
    Alessandro Galante Garrone
    1967 - ET Scrittori
    EINAUDI - pp. 208
    ISBN 8806159623 - € 8,78
  • Come sostenere la Fondazione Nuto Revelli
    5 x mille E' possibile sostenere la Fondazione tramite donazioni dirette interamente deducibili o devolvendo il 5 per mille.
    Scopri come»
    Iscriviti alla Newsletter della Fondazione
    Iscrivendoti alla newsletter verrai informato di tutte le iniziative e degli appuntamenti della Fondazione.
    Scopri come»
    Seguici su Twitter
    twitter
    Segnalazioni